Disciplina delle attività rumorose nei centri abitati

ART. 46  -  REGOLAMENTO POLIZIA URBANA

Questo articolo disciplina le attività nei cantieri edilizi, i lavori di giardinaggio o altri lavori che comunque comportano l'impiego di macchinari rumorosi, che si svolgono nei centri abitati del Comune di Pinzolo; detta altresì alcune disposizioni da seguire circa la manutenzione dei cantieri.

La mancata ottemperanza a quanto disposto dal presente articolo, comporta l'applicazione di sanzioni amministrative pecuniarie da 100,00 a 500,00 Euro (a seconda dei commi violati).

Art.46
1. Chi esercita un’arte, mestiere o industria o esegue lavori a carattere temporaneo, con l’uso di strumenti meccanici, deve comunque evitare disturbo alla pubblica e alla privata quiete.
In deroga alla legge 26.10.1995, n. 447 ed al relativo D.P.G.M. 14.11.1997 e alla L.P. 11.09.1998, n. 10 ed al D.P.G.P. 13.12.1998, n. 43-115/Leg, le attività a carattere temporaneo, svolte all’aperto, in cui sono ricomprese: cantieri edilizi ed i lavori di giardinaggio o che comunque comportano l’impiego di macchinari rumorosi, possono essere effettuati nei seguenti periodi:
MADONNA DI CAMPIGLIO
PERIODO DAL 1° LUGLIO AL 31 AGOSTO E DAL 1° DICEMBRE AL MARTEDI’ SUCCESSIVO ALLA PASQUA DI OGNI ANNO:
Sospensione di tutti i lavori di DEMOLIZIONE DI EDIFICI E DEMOLIZIONI DI ROCCIA O SASSI CON L’USO DI PERFORATRICI, MARTELLI PNEUMATICI, MARTELLONI, COMPRESSORI e lavori di SONDAGGI E/O POSA DI MICROPALI e SPARO MINE;
NEL RESTANTE PERIODO:
l’esecuzione dei lavori rumorosi sarà consentita
- da LUNEDI’ a SABATO dalle ore 08.00 alle ore 13.00 e dalle ore 14.00 alle ore 19.00
- DOMENICA e FESTIVI dalle ore 09.00 alle ore 13.00 e dalle ore 15.00 alle ore 19.00.
DEROGHE:
sono esclusi dalla presente regolamentazione:
- lavori urgenti di interesse pubblico;
- lavori al di fuori del centro abitato (zone agricole, pascolo, piste da sci ecc).
Saranno inoltre possibili deroghe con ordinanza motivata del Sindaco.

PINZOLO e S. A. MAVIGNOLA
DAL LUNEDI’ AL SABATO:
- dal 1 luglio al 15 settembre di ogni anno, dalle ore 8.30 alle ore 12 e dalle ore 15 alle ore 19.
- nel restante periodo: dalle ore 08 alle ore 13 e dalle ore 14 alle ore 19.
DOMENICHE E FESTIVI
- dal 1 luglio al 15 settembre di ogni anno, dalle ore 09 alle ore 12 e dalle ore 16.30 alle ore 19.
- nel restante periodo: dalle ore 09 alle ore 12 e dalle ore 14 alle ore 19.
DEROGHE:
per particolari esigenze lavorative, al di fuori di dette fasce orarie, potrà essere rilasciata dall’Autorità comunale, su richiesta scritta e motivata dell’interessato, apposita autorizzazione in deroga.

PINZOLO – S.A. MAVIGNOLA – MADONNA DI CAMPIGLIO
Ø LE AREE INTERESSATE DAI CANTIERI NEL CENTRO ABITATO DI PINZOLO E FRAZIONI, DOVRANNO ESSERE OPPORTUNAMENTE RECINTATE CON MATERIALE FISSO E NON TRASPARENTE – PANNELLI IN LEGNO O LAMIERA – O ALTRO MATERIALE INDICATO DALL’UFFICIO TECNICO PER UN’ALTEZZA NON INFERIORE A MT. 2,00 E L’AREA CIRCOSTANTE IL CANTIERE DOVRA’ ESSERE MANTENUTA PULITA ED IN ORDINE.
Ø DURANTE I PERIODI DI SOSPESIONE DEI LAVORI I CANTIERI NEL CENTRO ABITATO, CHE PRESENTINO ANCORA PONTEGGI ESTERNI, DOVRANNO DOTARSI DI IDONEA COPERTURA CON RETE PLASTIFICATA; ANALOGAMENTE LA STESSA DIRETTIVA DOVRA’ ESSERE APPLICATA A COPERTURA DEI PONTEGGI PROSSIMI ALLA PUBBLICA VIA.
2. Per l’esecuzione di detti lavori, dovranno essere utilizzati compressori silenziati e attrezzature che risultino conformi ai relativi certificati di omologazione;
dovrà essere ottenuta specifica autorizzazione dell’Autorità comunale per l’uso di attrezzature particolarmente rumorose quali: idrodemolitori, magli, frattazzatrici ecc., che sarà rilasciata previa valutazione dell’Ufficio Tecnico comunale, dei sistemi di abbattimento delle emissioni rumorose che si intendono adottare;
3.E’ fatto obbligo di dare adeguata informazione in merito al calendario dei lavori, con particolare riferimento ai periodi nei quali vengono svolte le attività rumorose, a chiunque abiti in un raggio congruo
(almeno 100 metri dal cantiere) e alle strutture di accoglienza tutelate, ubicate nel raggio di duecento metri dal cantiere. Nel caso di lavori edilizi svolti all’interno di stabili adibiti a civile abitazione, il programma dei lavori dovrà essere portato a conoscenza dell’amministrazione dello stabile o dei condomini;
4.Dagli operatori dovranno essere adottate le opportune cautele al fine di evitare in ogni caso che le attività arrechino disturbo alla quiete pubblica ( art.659 C.P.)
5.Comunque, nella vicinanza di scuole, di istituti di educazione, chiese, uffici pubblici, ecc. è assolutamente vietato l’esercizio di mestieri o attività qualsiasi che rechino disturbo, salvo casi di necessità contingente da autorizzarsi di volta in volta dall’Autorità comunale. L’Amministrazione Comunale può ordinare maggiori limitazioni, se i rumori od il disturbo possono recare particolare molestia.
6.I servizi tecnici comunali, su reclami degli interessati o di ufficio, accertano la natura dei rumori e promuovono i necessari provvedimenti dell’Autorità competente, perché le industrie e le attività rumorose eliminino i rumori stessi o riducano l’orario di lavoro. Nei casi di riconosciuta assoluta impossibilità della coesistenza degli esercizi di cui trattasi con il rispetto dovuto alla pubblica quiete, l’Autorità comunale può vietare l’esercizio dell’arte, dell’industria e dei mestieri rumorosi ed ordinare il trasloco degli esercizi o mestieri stessi.
7.Tutti coloro che, alla data di entrata in vigore del presente regolamento, esercitano arti, mestieri, industrie che creino rumori percepibili all’esterno e nelle abitazioni vicine, debbono chiedere la relativa autorizzazione entro il termine di tre mesi dalla data di cui sopra ed apportare le eventuali modifiche che dovessero essere richieste e nel termine indicato. Il termine stesso potrà essere prorogato, quando sia stato disposto il trasferimento dell’azienda in altra sede.
Le norme limitatrici di cui al comma 7 valgono anche per coloro che esercitano mestieri o altre attività che comportino l’uso di sostanze ritenute nocive.
Per le violazioni delle norme di cui ai commi 1) - 2) Euro 500,00
Per le violazioni degli altri commi Euro 100,00

RIFERIMENTI NORMATIVI

Il Regolamento di Polizia Urbana è stato approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 45 del 11.06.2002 e successive modifiche (Deliberazioni Consiglio Comunale n. 89 dd. 09.10.2009, n. 75 dd. 28.10.2010 e n. 37 dd. 30.05.2012)

Sabato, 14 Maggio 2016 - Ultima modifica: Mercoledì, 25 Maggio 2016

Questionario di valutazione

Inserisci il codice di sicurezza che vedi nell'immagine per proteggere il sito dallo spam

© 2019 Comune di Pinzolo powered by ComunWEB con il supporto di OpenContent Scarl